Mascalcia

Pareggio zoccolo

Quando la presenza del ferro impedisce del tutto l'usura della muraglia ed il fisiologico contatto delle aree dello zoccolo con il suolo, oppure, nel cavallo sferrato, quando l'insufficiente movimento su terreno adeguatamente abrasivo non permette una regolare usura della muraglia, è necessario, ad intervalli regolari, procedere al pareggio, che consiste nell'eliminazione di tutte le parti dello zoccolo cresciute al di là dei normali limiti fisiologici.

Zoccolo di un cavallo Gli attrezzi indispensabili per il pareggio sono il coltello da zoccoli e la raspa. Nel caso di muraglia notevolmente lunga, è utile anche una tenaglia da maniscalco. Tutti questi strumenti hanno caratteristiche particolari che li rendono specializzati.

Con il coltello, il maniscalco elimina l'eventuale eccesso di suola "morta"; elimina le parti irregolari o mal conservate del fettone; accorcia, fino ad un'altezza poco sopra il piano della suola, le barre. Con la raspa, eventualmente preceduta dalla tenaglia, il maniscalco accorcia adeguatamente la muraglia in tutto il suo perimetro, dalla punta ai talloni. Il pareggio, ed in particolare la cura nel determinare la migliore altezza della muraglia e dei talloni, sono critici per il bilanciamento anteroposteriore e laterale dello zoccolo, perché costituiscono le basi di un appiombo fisiologicamente corretto e di un movimento sicuro ed efficiente alle varie andature. Inoltre, il pareggio ben eseguito pone le basi per un corretto contatto attivo e passivo fra zoccolo e suolo, conferendo al meccanismo dello zoccolo la migliore efficienza possibile.

Quando il pareggio è la fase preliminare alla ferratura, è necessario che il piano costituito dal margine inferiore della muraglia sia perfettamente piano; si deve perciò rinunciare al fisiologico arco anteroposteriore dello zoccolo. Infine, se il ferro da applicare è fornito di "barbette", ossia di alcune linguette metalliche sporgenti verso l'alto che si appoggiano alla superficie esterna della muraglia e aumentano la solidità della ferratura, il maniscalco incide sulla muraglia dei solchi superficiali, corrispondenti per numero, sede e profondità alle barbette del ferro da applicare.

Pareggio Naturale - Barefoot

In natura i cavalli nascono senza ferri. Nonostante questa affermazione possa apparire banale, spesso molti cavalieri dimenticano che questi animali hanno vissuto per migliaia di anni senza alcuna protezione agli zoccoli, camminando ogni giorno per 30-50 km su terreni duri e sassosi, così come tutti i cavalli selvaggi, come i Mustang e i Brumbies, fanno ancora oggi.

La maggior parte dei cavalieri pensa che sia normale usare i ferri per proteggere gli zoccoli dei cavalli. Si sa infatti che dalla salute dello zoccolo dipende fortemente la salute generale del cavallo e il suo rendimento sportivo.

Il barefoot venne usato inizialmente per ragioni mediche, in caso di problemi ai piedi, in particolare ai navicolari. Attualmente esistono diversi approcci al barefoot, dal più semplice, come togliere i ferri al nostro cavallo per il periodo invernale, al più sofisticato, come poter affrontare un trekking di una settimana senza ferri.

E’ bene sapere però che ogni diverso approccio al barefoot prevede un particolare e proporzionato livello di attenzione e cura degli zoccoli del cavallo nel passaggio di transizione da ferrato a scalzo.

Unione Italiana Sport per Tuti / Attivita Equestri